"C'era una volta" - di Piergiorgio Baroni

LUGANO 1895

Ogni tant convégn fà ul «punto» alla sitüazión, in manéra che le stai anca modernizzàda. Sa parla e sa scriv sémpar men dal Tesin «d’un temp», da galinn e cünili. Dal come sa tirava innànz una volta. Che la società la sia cambiàda l’è lì da vedé. Adèss i noss giúvin i «messaggia», doprando facebook, sms, twitter e tütt ul quantemài che a m’è piovüt adoss. E i gira sóta anca espression che gha somea domà al dialètt.

Par  lór ul dialètt l’è un «optional». Però iè vegnüt föra cunt di stòri «cantàt» in dialètt, dai «gruppi rock», che i ga vann adré al sentée (sentiero) disegnàt giò dal Davide Van de Sfroos. Un bel libar püblicàt ültimamént l’è quell di poesì dal Emilio Rissone, dal titol «Aè, ta ‘l disi mì!»  indúa sa scupriss che «Chissà perché/al pòst da di sì/ nüm disum aé (...) L’è che intant/l’è pö mia important/da rompas ul cò,/aè al vör mia di no!» Püssée innànz sa léng che «par i cagadübi da Lügan/gh’è ul Cassaraa/tant par lavass i man/e resentass i pè d’estaa...»

Quel che sa léng chi da súra l’è un segnàl: che ul dialètt al viagia sémpar pulito. Ma sa dìs anca che sémpar men gént i dopra la lengua dal pòst e anca (par i men giúvin) dala «nostra gioventù», sübit dopo la segúnda guèra mondiàl. 

Ul Yor, portando ul dialètt in di scöl, la dài la dimostrazión che sa pò tirà denta come «parlanti» fiöö e tusann che végnan da luntàn. In sül palco, anca lúr i «dà vús» ala comedia 
dialetàl, tant che sa pò dì che ul 
dialètt al jüta l’integrazión. 

Cèrt che bisögna mia perd i ocasión par spantegà ul dialètt. E tegnil viv anca in di discúrs da strada, da bétola e in famiglia. 

Ul TEPSI al gh’è par quell. Anca cunt ul «Batacc».

Piergiorgio Baroni, senza tirarsela troppo, si autodefinisce giornalista per caso, poiché il suo destino sembrava altrimenti segnato già negli anni 50, dopo l’apprendistato a Lugano e l’impiego in una banca di Zurigo, alla Paradeplatz. Cominciò a mandare qualche cronaca sportiva ai settimanali di quel tempo (Sport Ticinese ed Eco dello Sport) e poi Dario Robbiani gli diede la possibilità, alla domenica, di scrivere testi per la TSI e più tardi anche di leggerli, sempre da Zurigo, dopo avergli fatto assolvere un corso di dizione. 
Passò definitivamente al giornalismo nel 1964, assunto come aiuto-redattore da Cooperazione, a Basilea.
Nel 1968 ecco il rientro in Ticino e per 35 anni, con alterne fortune, redattore (per una decina anche redattore capo). Con una esperienza da generalista, dalla spilla alla bomba atomica, e una approfondita presenza nello sport, anche al seguito di campionati mondiali e di olimpiadi. Questi grandi eventi, anche oltremare, gli hanno permesso di coltivare (grazie alle letture dei libri di Giorgio Cheda) un interesse marcato per l’emigrazione ticinese.

Prima di fare l’ultimo viaggio (nel senso della fine del percorso esistenziale) vorrebbe veder realizzata la banca dati dei nostri emigrati, in modo da dare al Ticino una piattaforma più larga di quella segnata dai nostri confini. Se ne andrà, ahinoi, senza aver realizzato nulla e con un sospiro di sollievo di quanto diranno «L’eva mia cativ, ul Pier, però che süpatt lü e la so banca dati”

La citazione dialettale permette inoltre di segnalare la baroniana presenza sul filone del vernacolo, addirittura con un libro (“Un dialètt, par girà mezz mund” edito da Fontana Edizioni), ma ahinoi, l’autore inseguito dai mugugni di quanti asseriscono che “al scriv una specie da dialètt tütt sò: e al sbaglia i accenti”. Per finire ha una moglie che cerca di parare le “gaffe” del Pier, per quanto possibile; due figlie e un figlio che per fortuna non fanno il mestiere del padre e cinque nipotini, di cui la più grande, Liliana, quando si va a sciare, scuote il capo e sentenzia “Nonno, sei sempre in ritardo!”

a cura di Piergiorgio Baroni

Lugano, anno 1905

Lugano, anno 1905

frill

Ultime Offerte

Torta al cioccolato

Dopo un buon pranzo è quasi d'obbligo un buon dessert, siamo sul classico,..
Vetrina del gusto / Offerte

Antipasti di salumi vari

Ecco a voi una selezione di salumi per cominciare a stuzzicare il palato,..
Vetrina del gusto / Offerte

Stinco di maiale

Un classico delle nostre zone, solitamente proposto accompagnato da patate al forno o..
Vetrina del gusto / Offerte

Coniglio al tegame

Quanto sapore in queste parti di coniglio al tegame, insaporiti dalle nostre spezie.
Vetrina del gusto / Offerte